lunedì 26 agosto 2013

ROAD TO NICE. Fiocco rosa in casa Barney.

 Prima di giungere a questa versione, evidentemente definitiva, ho scritto e cancellato questo post almeno una decina di volte, e questo perchè, nell'ultimo periodo, sono successe un sacco di cose che meriterebbero di essere raccontate, ma non ho voglia di farlo.
 
Potrei raccontare della mia diatriba con la WTC, ma non ne ho voglia.
 
Potrei elencare i mancati allenamenti nella corsa e nel nuoto, ma non ne ho voglia, almeno per ora.
 
Potremmo affrontare il tema dell'ex P.d.C. (Mister B.) condannato, che tenta di ricattare una sessantina di milioni di italiani con la fedina penale pulita, ma non ne ho voglia, sarebbe tempo perso.
 
Potrei insultare gli ex "francesi" emigrati in Germania, e ne avrei davvero voglia.
Ma non lo farò, almeno non oggi.
 
Ci sarà tempo di parlarne più avanti.
 
Quello che invece farò sarà parlarvi dell'ultima arrivata in casa Barney.
 
Già, perchè quando sono sull'orlo della depressione, mi trasformo in una Carrie Bradshaw de noantri, solo che, invece di fare incetta di costosissime scarpe, sfogo le mie frustrazioni acquistando le attrezzature necessarie per le più disparate attività sportive.
 
Ora, cosa potrebbe appagare lo shopping da depressione di un "triatleta", se non una sborobike?
 
EBBENESI, il punto 4 della ROAD TO NICE ha avuto il suo primo sviluppo:
 
 
Certo, non ha ancora le sbororuote in carbonchio con profilo da 80 mm, ma il primo passo è fatto.
 
Ora non mancano che le gambe per spingerla là dove nessun uomo è mai giunto prima, ma stiamo lavorando anche su quello, con circa 400 km percorsi in un paio di settimane, quasi 5.000 mt di dislivello e partenze intorno alle 6:30 del mattino... Forse ho bisogno di un esorcista!

9 commenti:

  1. bella bestia!
    in effetti però se non hai le ruote da 80 non vali un cazzo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le devo comprare per vincere il Master 37!!

      Elimina
  2. ma Nizza con la crono e le 80 non è un po' tanto? C'è un po' di salitella in quei fantastici 180km...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che è un pò tanto, anzi troppo. Le ruote da 80 erano solo una provocazione, anche perchè non me le posso permettere (se non trovando qualche ottima occasione). Per quanto riguarda Nizza, non ho ancora idea del mezzo che userò, sempre che decida di parteciparvi, il che non è più così scontato.
      Comunque, ogni tuo consiglio sarà moooolto gradito.

      Elimina
    2. Unico consiglio che posso darti???? Partecipa senza esitare!

      Elimina
    3. Non so. Molte delle condizioni che mi avevano portato a fare quella follia sono cambiate, ed ho anche in corso una querelle con la WTC per il loro comportamento, a mio modo di vedere, scorretto ed ai limiti della legalità.
      Comunque ho ancora un pò di tempo per decidere... Come dice qualcuno, "stay tuned"...

      Elimina
  3. Ti auguro una buona preparazione per l'Iron di Nizza. Grazie per il tuo sostegno nella mia gara austriaca e , unico consiglio che posso darti, non mollare in questi mesi e credici fino alla fine perché la finish-line è li che ti aspetta. Non importa quanto ci metterai, ma quello che conta è arrivare su quella spiaggia all'alba del giorno della partenza e dirsi:"sono qui..ho già vinto!" Il resto sarà una meravigliosa avventura :-)
    Ironmiguel

    RispondiElimina
  4. Una bella bestia da domare quella!
    Bella bella bella!!
    Complimenti!
    Come si chiama? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non amo dare nomi agli oggetti, ma un pensierino ce lo faccio. Certo, sarà strano battezzare l'ultima arrivata, quando la penultima non lo è stata...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...